ARTISTS
PERFORMERS
PROJECT
INFO
CREDITS
PRESS KIT

HOME

fulgeri
Lost,
2008
wood bridge, natural green
90x160x300 cm
Domaine Pommery, Riems
 

. Marina Fulgeri. I
Born 1978, Bologna (Italy). Lives and works in Bologna and Vignola (MO)

Nelle installazioni di Marina Fulgeri i dati del reale sono spesso modificati da interventi minimali, di sottile slittamento, capaci di creare altri stati possibili, altre dimensioni, giocando con l’imprevedibile e le diverse reazioni del pubblico.
L’opera “Megaphone”, appositamente realizzata per la mostra, accosta la suggestione di musica evocata dagli strumenti antichi all’evocazione del rumore e del suono delle voci suggerita dal megafono, simbolo di un periodo storico preciso. Il megafono è esposto come uno strumento musicale antico, prezioso nella sua nuova cromatura argentea: non produce più suoni, ma li evoca con la sua immagine. Un accostamento di significati, un’incoerenza nella coerenza, un’anomalia nella logica espositiva del museo che mette in discussione ciò che gli sta attorno.

In the installations of Marina Fulgeri most elements from reality are modified by minimal interventions, sliding away imperceptibly from the initial objects. They are able to create other possible states, other dimensions, playing with the unforeseeable and diverse reactions of onlookers.
The work “Megaphone”, an installation expressly created for the show, combines the suggestion of music evoked by ancient instruments to the sound of the voice called to mind by the megaphone, symbol of a specific historical period. The megaphone is displayed as a historical musical instrument, precious in its new chromed plating: it no longer utters sounds, but its image evokes them. A combination of meanings, an incoherence within coherence, an anomaly in the museum’s exhibitionary logic which calls the surrounding museum environment into question.

edizione 08
Comunicattive
Agenzia 04
Orfeo hotel contemporary project
edizione 07
edizione 06